Fiera di San Gaetano

La Fiera zootecnica detta di San Gaetano, che la maggior parte di noi chiama più comunemente “Fiera di Rogoredo”, ci fa rivivere in piena estate la bellezza delle nostre origini a stretto contatto con la natura.

Come da tradizione ogni anno si svolge per cinque giorni consecutivi, dal giovedì al lunedì, a cavallo con il 1° di Agosto.

Intervistando quelli che ai tempi erano solo ragazzini, è possibile rivivere per un attimo le sensazioni e le emozioni che si potevano provare guardando la Fiera “con occhi di bambini”.

C’è chi considerava un rito quello di passeggiare tra le bancarelle la domenica pomeriggio, chi con gli amici e chi con i parenti, facendosi spazio tra la folla che vociava per le strade.

Dalle bancarelle provenivano ogni sorta di profumi: frittelle, caramelle, formaggi, olive… e tra le stesse si incontravano i conoscenti, ci si fermava per una chiacchierata e poi si continuava la passeggiata facendosi trasportare dalla folla attraverso le vie di Rogoredo!

Al bivio era quasi d’obbligo la “tappa granita”: una bella rinfrescata prima di riprendere il cammino… a destra o a sinistra?! Prima da una parte e poi dall’altra, che domanda! Nessuna bancarella doveva sfuggire a nessuno o meglio, agli adulti perché per i più piccoli era solo un gioco passeggiare e guardarsi intorno e per tutti era una scusa per passare un po’ di tempo insieme.

E poi il bar del centro, la gelateria del Castagnola, la pesca di beneficienza, la trippa sotto il campanile, le giostre… tanti sono i ricordi che riaffiorano nella mente di chi racconta.

La sera, invece, erano due gli appuntamenti a cui non si poteva rinunciare: il palo della cuccagna e la corsa degli asini! Non avendo la macchina ci si organizzava camminando e si dava il via a lunghe passeggiate dalle diverse frazioni fino ad arrivare alla Fiera… per poi dover ripercorrere la strada per tornare a casa, stanchi ma contenti delle belle serate passate insieme.

E quando una macchina c’era, ci si stringeva un po’ per evitare di lasciare qualcuno a piedi… Come ben ricorda chi, quella volta, su una 126 blu ci era salito… insieme ad altre 6 persone!! Cosa non si faceva per andare in Fiera!

Questi sono solo stralci di alcuni ricordi che fanno della Fiera di Rogoredo un altro evento speciale delle nostre zone.

Certi “riti” rivivono tutt’ora, così come prosegue la tradizione della Fiera di S. Gaetano, che ci auguriamo di tutto cuore, possa durare ancora molte, molte e molte altre estati ancora!

Per saperne di più sulla storia della Fiera, gli eventi e tutto quello che in poche righe non si riesce a raccontare, visitate il sito ufficiale: http://www.iltrifoglio.org/word/chi-siamo/

G.S.